I dolci di Natale

Inserito il 21 dicembre 2012 - Letto 2.610 volte - Nessun commento

I dolci di NataleLa pasticceria è tutto un mondo da scoprire se non altro perché è un mondo che fa gioire, è colore, sapore… è zucchero a velo sui nasi dei bambini! Divertiamoci in questo periodo a preparare i dolci tipici della tradizione ma anche a sperimentare… basta un po’ di fantasia e qualche formina divertente! La pasticceria italiana è vasta e ricca. Come non citare per iniziare, questo nostro zuccheroso viaggio, dal Panettone… in eterna rivalità con il Pandoro; e già! scegliere tra pandoro e panettone è quasi questione di carattere.

Il panettone ha origini milanesi, si ottiene da un impasto fatto di acqua, uova, farina, zucchero, ed è arricchito al suo interno con uvetta, canditi e scorza di limone o arancia; ha una base cilindrica ed in alto forma una sorta di cupola, la parte esterna e superiore è più scura, ed il suo interno è soffice e morbido.

Come abbiamo detto in precedenza l’antagonista del panettone è il Pandoro. Le sue caratteristiche sono note a tutti: ha forma conica e base ottagonale, questo fa si che tagliandolo orizzontalmente le fette somiglino ad una stella, il suo interno è sofficissimo e di color giallo oro, prima di servirlo viene spolverizzato con lo zucchero a velo. Negli ultimi anni le case produttrici di pandoro hanno innovato la ricetta originaria farcendo l’interno del dolce con creme di ogni tipo. La regione italiana che rivendica la paternità del Pandoro è il Veneto, molti sostengono che fosse un dolce tipico veronese e che nel 500’ venisse servito nelle tavole delle famiglie nobili, altri ritengono che la ricetta attuale sia una rivisitazione dei “nadalin”, dolci tipici veneziani a forma di stella. Anche in Europa il pandoro è molto conosciuto, in Austria lo chiamano “pane di Vienna”, tuttavia quest’ultimo ha una ricetta diversa dal nostro classico pandoro. Nel 1894 Domenico Melegatti, sapientemente, depositò il brevetto della ricetta del Pandoro.

Altri dolci tipici natalizi, sono gli struffoli di origine campana. Questo dolce si presenta generalmente a forma di ciambella o come una montagna, ed è fatto con palline dorate, ricoperte di miele caldo e decorate con canditi e zucchero colorato detto “diavolilli”. Le palline sono fatte con un impasto preparato con farina, uova, zucchero, burro e aromi vari, preparate le palline di pasta vengono fritte in olio bollente. Una volta fredde si dispongono nel piatto da portata e vengono inondate da miele caldo e poi guarnite come descritto in precedenza. E’ un dolce coloratissimo!

Continuiamo la nostra rassegna dei dolci tipici natalizi con il Torrone, caratteristico per forma consistenza e sapore. E’ fatto con zucchero, albumi d’uovo, miele e mandorle ma vi sono anche varianti con noci e pistacchi. Cremona è la città italiana più importante per produzione di Torrone. E’ uno tra i dolci italiani più famoso al mondo. In Sicilia, segnatamente a Caltanissetta, se ne produce una varietà con il pistacchio che ha ottenuto grande successo.

Lo zelten è un dolce natalizio tipico della cucina sudtirolese. Simile al panforte, è una torta ricca di canditi, uvetta, fichi secchi, pinoli… una vera carica energetica!

Per Natale possiamo divertirci a preparare dei biscottini che abbiamo la forma dei soggetti tipici della festa. Basta seguire la ricetta per fare i dessert e con l’aiuto delle formine e dei coloranti per dolci possiamo dare vita a simpatici e colorati biscottini a forma di babbo natale, pupazzo di neve, albero di natale… Questi dolci sono molto belli da vedere oltre che da mangiare, dunque potete confezionarli con carta trasparente e farli diventare degli originali segnaposto!

Sempre in casa potete farcire il panettone ed il pandoro. Scegliete la crema che più preferite e seguendo pochi e semplici passaggi potrete ottenere sbalorditivi risultati. E’ molto semplice, ad esempio rendere il pandoro simile ad un albero di natale o ad una stella…
Bontà e successo sono assicurati!

Argomenti: , , ,

Lascia un commento